Ovunque tu sarai di Fioly Bocca

Ovunque tu sarai di Fioly Bocca

Ovunque tu sarai Book Cover Ovunque tu sarai
Fioly Bocca
Fiction
2016
160

Sinossi:

Anita vive da tanti anni a Torino ma è cresciuta sulle Dolomiti, dove il vento soffia sempre e l'aria è fresca, e dove di recente è costretta a tornare spesso per via della terribile malattia di sua mamma, che se la sta portando via velocemente. Per farle sentire tutto il suo amore, Anita scrive ogni sera una email per augurarle la buonanotte, dove però non racconta la verità . Non le dice che il lavoro all'agenzia letteraria non è entusiasmante come pensava, né che il suo fidanzato di lungo corso, Tancredi, è distratto, distante, stolido. Anzi, scrive che stanno programmando le nozze per dare il via a quella famiglia numerosa che Anita ha sempre desiderato. Durante uno dei viaggi in treno, Anita incontra Arun, un ragazzo italocambogiano, scrittore di libri per bambini, al quale basta guardarla negli occhi per leggere tutta la sua tristezza. Un incontro che la colpisce. Ma chi è Arun? Perché, anche se cerca di tenerlo lontano, qualcosa la riporta a lui? E' forse questo il regalo che le ha lasciato in eredità  sua madre?

Ovunque tu sarai di Fioly Bocca, una storia d’amore nel segno del destino

Un lavoro che non ama, ma non odia al punto di spingersi a cambiarlo; un lungo fidanzamento senza più sale né pepe, scorre lungo binari immutabili la vita di Anita protagonista di “Ovunque tu sarai” (Giunti Editore), il romanzo di Fioly Bocca.

E chissà per quanto continuerebbe a farlo, se la malattia della mamma non mandasse in frantumi ogni certezza. Nell’incerto limbo tra il prima e il dopo, Anita conoscerà per caso uno scrittore che ama il mare d’inverno. Sarà subito intesa e anche qualcosa di più.

Ma quanto coraggio serve per abbandonare tutto per seguire gli occhi di un uomo?

Così capita che un dialogo nato per caso con un passeggero qualunque del Milano-Torino prenda una strada tutta sua, ingovernabile, e tu, senza nemmeno accorgerti, arrivi proprio a quel punto, a quel grumo che hai dentro e che cercavi in tutti i modi di nascondere. E senza sapere perché, ti metti a nudo, non risparmi niente, davanti a occhi sconosciuti offri la tua anima vulnerabile come una spogliarellista esibisce a un pubblico rapito la propria intimità.

Serve audacia per lasciare le certezze di una routine consolidata, Anita è inizialmente fragile, timida, riservata e sopraffatta dalla forza di inerzia. Con il dolore, però, farà i conti con la parte più autentica di sé. “Ovunque tu sarai” è una storia struggente che si illumina di speranza. Viene quasi spontaneo domandarsi durante la lettura di questo coinvolgente romanzo se è la soluzione migliore dare un taglio a una vita che non ci soddisfa, liberandosi dalle catene alle quali spesso la vita ci tiene prigionieri.

Quanto può incidere un incontro di pochi minuti su un’esistenza? E quante volte un grande dolore ci salva la vita?

Uscendo da quella che si percepisce come una gabbia, si rischia una dolorosa solitudine: non sempre chi ci è accanto capisce quello che ci sta accadendo. Quello di Anita è un viaggio tra un passato di dolore caratterizzato dalla monotonia di una vita abitudinaria che inizia a starle stretta e un futuro fatto di coincidenze, basato sul destino. Un destino inteso come capacità di saper leggere i segni più impalpabili, quelle briciole che riconducono all’essenza più profonda.

Fioly Bocca in “Ovunque tu sarai”, ci ha dato un lavoro veramente degno di attenzione, un lavoro che, data la sua forma romanzesca, è di facile lettura e riesce a mantenere sveglio e avido l’interesse del lettore fino alle ultime pagine.


Lascia un commento