13 modi di vedere una ragazza grassa – Mona Awad

13 modi di vedere una ragazza grassa – Mona Awad

13 modi di vedere una ragazza grassa Book Cover 13 modi di vedere una ragazza grassa
Mona Awad
Fiction
Bompiani
4 Febbraio 2017
280

Sinossi 

Lizzie è cresciuta nell'orribile periferia di Misery Saga (come lei chiama Mississauga in Canada) e non si piace, nonostante quello che dice la sua migliore amica Mel. Inizia così a contattare ragazzi online, ma ha paura di mandare foto di sé stessa, convinta che nessuno che sappia com'è fatta davvero la possa volere. Inizia allora a perdere peso seguendo un regime ferreo e i risultati non tardano a vedersi. Eppure a Lizzie sembra di non riuscire a non vedersi grassa, nonostante tutto il peso perso. In questo romanzo di debutto, Mona Awad mette alla berlina la nostra cultura ossessionata dall'immagine del corpo e allo stesso tempo propone una descrizione dolce e tenera di una giovane donna, complessa ma adorabile, che lotta per conformarsi a uno stereotipo.

13 modi di vedere una ragazza grassa; il romanzo d’esordio di Mona Awad con cui ha vinto l’Amazon Canada First Novel Award.

La trama di questo libro è sicuramente il motivo principale per cui ho deciso di inserirlo nella mia wishlist. 13 modi di vedere una ragazza grassa non sembra essere solamente un testo volto a colpevolizzare chi non è pronto ad accettare la diversità, piuttosto il messaggio principale che si nasconde tra le righe di questo romanzo sembra essere: il primo passo per essere accettati, è accettarsi.

A prescindere da quale sia il peso di una persona, ciò che più conta nella società moderna è avere l’approvazione del prossimo. Credo che ciò che Mona Awad cerchi di fare con il suo romanzo sia proprio far capire come possa sentirsi una persona che si guarda allo specchio e si sente un alieno travestito da umano. Lizzie, la protagonista di “13 modi di vedere una ragazza grassa” prova proprio questo: rifiuto verso se stessa. Odia i maschi, che non la notano, ed odia le femmine, che la deridono. Quindi si ritrova a percorrere quella che sembra la strada più semplice per raggiungere l’accettazione sociale; inizia a dimagrire. Con suo sommo stupore però scoprirà che la felicità non si nasconde nella magrezza, bensì nell’amor proprio.

Lizzie si presenta in maniera molto diretta e spontanea all’inizio del romanzo, mentre è intenta a trangugiare un McFlurry insieme alla sua amica Mel.

L’universo è contro di noi, e ci può stare. Perciò prendiamo un’altro McFlurry e per un po’ parliamo di quanto siamo grasse. Ma non  importa per quanto ne parliamo o quante volte Mel mi assicuri che sotto i vestiti lei è una cazzo di balena; lo so che sono più grassa io. E non di poco. Mel è culona, questo glielo concedo, ma posso concederle soltanto questo. Se sulla ciccia vinco io, Mel poi dirà che importa, io sono molto più carina di lei, ma credo che di faccia siamo più o meno pari. Io non capisco ancora bene il mio naso e non ho ancora imparato l’arte di affamarmi e spinzettarmi. Perciò voglio essere sincera. In questa storia, non sono quella gran bellezza, a parte forse la pelle, che Mel mi invidia da morire, a sentire lei. E le tette. Mel dice che sono enormi e mi giura che è una bella cosa.

Attraverso la sagace penna di Mona Awad faremo la conoscenza di un’adolescente complessa, a tratti scontrosa, che lotta con le unghie e con i denti per trovare il suo posto nel mondo. L’autrice metterà poi in luce tutte quelle intricate dinamiche familiari e sociali per cui scopriremo presto che, alla fine, c’è un po’ di Lizzie in ognuno di noi; e forse è proprio questo ciò che rende questo personaggio così empatico.

13 modi di vedere una ragazza grassa: controllare il proprio peso non vuol dire controllare il mondo.

Grazie alla scioltezza della scrittura di Mona Awad è facile entrare in sintonia con la protagonista, a cui si vuole subito bene e per cui, inevitabilmente, si prova anche una gran pena. Mano a mano che il romanzo accelera, il lettore si ritrova invischiato insieme a Lizzie in una serie di eventi “forti” e coinvolgenti volti a far riflettere, per comprendere il mondo di chi, nonostante gli enormi sforzi, non riesce mai ad accettarsi.

Con un mix acuto di dialoghi aspri, riflessioni divertenti ed episodi delicati, Mona Awad offre a noi book-lover’s un romanzo denso di riflessioni e personaggi che rimarranno impressi a lungo nelle nostre menti.


Lascia un commento