Picasso & Lump a Dachshund’s Odyssey

Picasso & Lump a Dachshund’s Odyssey

Picasso & Lump Book Cover Picasso & Lump
David Douglas Duncan, Pablo Picasso,
Art
2006
98

Sinossi

Chronicles the heartwarming story of the relationship between renowned artist Pablo Picasso and his pet dachshund, Lump, a mutual love affair that developed when the dog, originally belonging to veteran photojournalist David Douglas Duncan, decided to take up permanent residence with Picasso and was immortalized in a series of remarkable paintings. 20,000 first printing.

La figura del cane appare nei dipinti in tutti i periodi della storia dell’arte: nelle pitture rupestri insieme all’uomo e ad altri animali, nelle scene di caccia medievali, a fianco delle donne del Rinascimento come compagnia domestica e affettiva, o come simbolo di fedeltà e amore

Artisti inarrivabili hanno avuto come fonte di ispirazione il proprio amico a quattro zampe: basti pensare ad Ernest Hemingway ed al suo cane nero, “Black Dog”, oppure Archie il bassotto di Andy Warhol. Forse però la storia più famosa è quella di Pablo Picasso e del suo Lump.

Il bassotto Lump ha vissuto e ispirato le notevoli declinazioni dell’estro di Pablo Picasso per sedici anni, oltre ai suoi ritratti, la sua storia è narrata tramite le immagini nel libro fotografico di Duncan: “Picasso & Lump: a Dachshund’s Odyssey”.

Lump non è un cane e nemmeno un piccolo uomo. È qualcos’altro!

Queste sono le parole con cui Pablo Picasso descriveva il suo amato bassotto, nonché modello di alcuni suoi capolavori. Un amore nato nel 1957 grazie all’incontro con il famoso fotografo americano David Douglas Duncan, che il 19 aprile dello stesso anno andò a trovare il Maestro nella sua villa “Le Californie” di Cannes. Ad accompagnarlo un bassotto, adottato il mese prima, di nome Lump (tradotto dal tedesco, Birbante).

Appena entrato nello studio di Picasso, tra l’artista e il cane è colpo di fulmine! Lump,dotato di uno sconfinato carattere (tipico della razza), prende possesso della casa, marca il territorio facendo la pipì sull “Homme au moton” (scultura in bronzo che tutt’ oggi domina il giardino) ed inizia a sonnecchiare su tutti i divani di casa. Una naturalezza e faccia tosta che colpiscono subito l’artista che, lo stesso giorno, immortala il piccolo bassotto ritraendolo su un piatto di ceramica. Un feeling perfetto. Quando arriva il momento di tornare a casa con il fotografo, Lump si rifiuta di seguire Duncan, e da quel giorno non volle più abbandonare quel suo nuovo e “strano amico”.

Picasso & Lump: a Dachshund’s Odyssey, il bassotto che stregò Picasso.

Come dicevamo, la freccia di Cupido, tra Picasso e Lump, scocca grazie al fotografo David Douglas Duncan, mente ed autore del libro e delle foto contenute in “Picasso & Lump” che raccontano la storia tra l’artista e il suo piccolo amico.
La complicità tra i due è enorme, un’amicizia unica. Lump sembra essere fatto ad immagine e somiglianza dell’artista: vivace, scattante e dalla grande personalità. Tra i due si instaura sin da subito un rapporto speciale tanto che lo stesso Lump è un eccezionale modello per molti degli studi del Maestro cubista. E’ infatti famoso un suo stilizzatissimo ritratto e la sua presenza spicca  in 15 dei 44 studi della serie “Las Meninas”, ispirata al capolavoro di Diego Velazquez.

Lump rimase al fianco di Picasso per sei anni. Nel 1963 una malattia alla spina dorsale lo obbligò prima a sottoporsi a cure veterinarie a Cannes, poi venne trasferito – grazie ai consigli di Duncan – in Germania dove avrebbero potuto curarlo in maniera più efficace e salvargli la vita. Riuscito a sconfiggere il male che lo affliggeva il “Birbante” non volle più tornare nella casa del Maestro (lo stesso Duncan racconta che quando provò a riportarlo a “Le Californie” il bassotto si rifiutò sonoramente di tornare da Picasso). Lump e Picasso non si videro più.

Il loro legame rimase comunque profondo, tanto che i due si spensero a una settimana di distanza l’uno dell’altro, nell’aprile del 1973. Lump, probabilmente non sa di essere entrato a far parte della storia dell’arte, apparendo in alcune delle opere più importanti del pittore probabilmente più influente del ‘900.

picasso & lump

in pillole

Amabile
Descrittivo
Appassionante

 


Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.