“Las meninas” (le damigelle d’onore) di Diego Velazquez

“Las meninas” (le damigelle d’onore) di Diego Velazquez

“Las Meninas”: analisi e descrizione di uno dei capolavori del pittore spagnolo Diego Velazquez

Vi ricordate “Il ritratto dei coniugi Arnolfini” che ho descritto qualche giorno fa? Se è piaciuto a noi, deve aver colpito in modo particolare anche il grande pittore spagnolo Diego Velazquez che, dopo averlo visto, copiò l’originale soluzione dello specchio nel suo famossissimo dipinto “Las meninas”.

Velazquez, pittore della famiglia regnante spagnola da 33 anni, ritrae qui l’Infanta Margarita, circondata dalle sue dame di corte. Il re e la regina (Filippo IV e sua moglie Marianna d’Austria, genitori di Margherita), possono essere visti solo ritratti nello specchio, che rappresenta il fulcro del quadro. Filippo, a causa dell’età avanzata, non vuole essere ritratto, ma permette a Velazquez di includerlo in questo modo nel quadro, in maniera indiretta. La coppia regnante è così la vera spettatrice della scena (che si sta svolgendo nello studio del pittore) e forse noi, che guardiamo il quadro, ci sentiamo un po’ esclusi, perché al nostro posto ci sono il re e la regina. Sulla sinistra del quadro c’è lo stesso Velazquez in piedi, di fronte alla sua grande tela (uno dei migliori autoritratti dell’artista).

In basso a destra si può notare il cane della famiglia reale: è un mastino spagnolo. Molossoide, dalla struttura imponente, i maschi raggiungono un’altezza di oltre 90 cm., con un peso di oltre 110 kg. Nel dipinto Velázquez lo colloca in primo piano, rendendolo protagonista al pari degli altri personaggi. Questa razza, sebbene legata ad un mondo agricolo e pastorale, era molto amata dai nobili e, in questo caso, dalla stessa corte reale.

Il mastino viene qui rappresentato con la corporatura massiccia e lo sguardo tranquillo, apparendo ai nostri occhi un cane forse pigro o poco incline all’azione. Non ci dobbiamo però far ingannare perché in caso di pericolo, ora come allora, questo cane ci stupirà con agilità e velocità inaspettate!

 


Lascia un commento