Adottare un cane a distanza: le cose da sapere

Adottare un cane a distanza: le cose da sapere

Alcuni consigli pratici per chi sceglie di adottare un cane a distanza

L’adozione di un cane è un gesto nobile, ma non sempre praticabile. Per motivi di spazio, di tempo, di buon vicinato o di insicurezza economica, adottare un cane e portarlo in casa propria può rivelarsi impossibile. Per chi tuttavia non vuole rinunciare a questo piacere, l’alternativa esiste e si chiama adozione del cane a distanza.

Come suggerisce il nome, questo tipo di adozione avviene a distanza tra un privato e un ente, di solito un’associazione animalista o – più spesso – un canile. La sola cosa che viene richiesta per avviare e mantenere l’adozione è un contributo economico, da versare una volta l’anno (formula una tantum) o a cadenza mensile (formula continuativa). Il contributo permette al canile o all’associazione di farsi carico delle spese per l’alimentazione e la cura dell’orfanello, assicurandogli una vita più dignitosa. 

L’adozione può anche essere regalata a un’altra persona, in ogni caso le spese sono deducibili/detraibili dal punto di vista fiscale (non tutti lo sanno), un motivo in più per compiere questo gesto di amore nei confronti dei nostri amici a quattro zampe meno fortunati. Consigliamo di fare sempre attenzione alla serietà del canile o di chi propone l’adozione.

Le fregature sono all’ordine del giorno, assicuratevi quindi della buona fede e dell’impegno del canile. Non dimenticate inoltre di accertarvi IN ANTICIPO sulla possibilità di incontrare di persona il cane adottato. Un giorno, di punto in bianco, potrebbe venirvi voglia di fare un salto nel luogo in cui si trova il vostro beniamino, per conoscerlo, accarezzarlo e offrirgli una pappa gourmet o un bell’osso da rosicchiare. Onde evitare cocenti delusioni o inutili battibecchi con i responsabili, è opportuno capire bene fin dove potete spingervi.

LAV, Lega del Cane e altre realtà che propongono l’adozione a distanza

Tra le tante realtà più o meno grandi che propongono l’adozione a distanza troviamo la Lega Antivivisezione (LAV), la Lega Nazionale per la Difesa del Cane, la Onlus Diamoci La Zampa e tantissime altre. Per tutti la regola è la stessa: non scegliete solo in base all’estetica ma valutate il cane che vi sembra avere più bisogno di aiuto (per la sua storia, la sua età, le sue condizioni di salute).

A questo proposito confrontarsi con gli operatori via email o telefono può essere un ottimo sistema per conoscere meglio la creatura che andrete a sostenere. E chissà che un giorno, con tanta pazienza e infinito amore, il cane adottato a distanza non possa diventare un fedele compagno di giochi, finalmente libero di vivere insieme a quel padrone mai conosciuto ma sempre presente. 


Lascia un commento