Le panchine letterarie ispirate ai capolavori della letteratura

Le panchine letterarie ispirate ai capolavori della letteratura

Da Londra sino a Napoli, vi portiamo alla scoperta delle panchine letterarie ispirate ai grandi capolavori della letteratura

Sedersi su “1984” di George Orwell oppure prendere il sole su “Il diario di Bridget Jones” di Helen Fielding: accade a Londra dove le panchine letterarie sono diventate un must. Di cosa si tratta? Di punti di ristoro sparsi in giro per la città, ispirati ai grandi capolavori della letteratura. Ce n’è per tutti i gusti, dai romanzi d’amore a quelli d’avventura, passando per i gialli.

L’iniziativa, che ha preso il via nel 2014, ha ottenuto da subito un grandissimo successo. Lo scopo è quello di riavvicinare i cittadini alla letteratura e spingerli a scoprire il piacere di dedicare qualche ora ad un buon libro. Fra le panchine realizzate quella dedicata a “Il giro del mondo in 80 giorni” di Jules Vernes, ma anche “I racconti di Canterbury” di Geoffrey Chaucer. Troviamo poi “James Bond” di Ian Flaming, “Grandi Speranze” di Charles Dickens e “L’importanza di chiamarsi Ernesto” di Oscar Wilde.

Non manca nemmeno Lewis Carroll con “Alice attraverso lo specchio”, seguito da altri due classici come “Mary Poppins” di P.L.Travers e “Peter Pan” di J.M.Barrie. La creazione delle panchine è stata affidata a vari artisti di nazionalità diverse, che hanno interpretato i capolavori senza tempo di questi scrittori. Il risultato sono delle opere artistiche in cui lasciarsi avvolgere dalle parole e viaggiare con la fantasia.

L’iniziativa ha riscosso un enorme successo, così tanto da dare il via ad iniziative simili, non solo in Gran Bretagna, ma in tutta Europa. A Liverpool, nella scuola Hillside, gli studenti hanno creato una panchina dedicata a tutti i grandi capolavori di Charles Dickens. A Basingstoke, un’altra cittadina britannica, alcuni artisti hanno scelto di omaggiare Jane Austen con il progetto “Sitting with Jane”, che prevede la creazione di 25 panchine a forma di libro, ispirate da altrettanti romanzi della scrittrice.

Anche l’Italia, da sempre patria di grandi scrittori e amatissima dai romanzieri di tutto il mondo, ha deciso di seguire questo trend. A Napoli sono state infatti installate le panchine d’artista. Le opere d’arte si trovano nell’Aeroporto di Capodichino e hanno come filo conduttore il tema del viaggio.

Troviamo quindi sedute artistiche che citano i lavori di Goethe, Elsa Morante e Charles Baudelaire. Nel Parco del Miglio d’oro di Ercolano e Procida infine si possono ammirare le panchine ispirate a grandi personalità e scrittori che hanno cambiato la storia, come Einstein, Martin Luther King, Gandhi o Antoine de Saint Exupéry autore de “Il Piccolo Principe”.

(fonte immagini: www.booksabouttown.org)

 


Lascia un commento