La cambio io la vita che… Tutta la mia storia di Patty Pravo

La cambio io la vita che… Tutta la mia storia di Patty Pravo

La cambio io la vita che... Tutta la mia storia Book Cover La cambio io la vita che... Tutta la mia storia
Patty Pravo
Biography & Autobiography
Einaudi. Stile libero extra
2017
170

Sinossi

Finalmente Patty Pravo ha deciso di scrivere la sua autobiografia definitiva, che illumina anche gli angoli più nascosti di un'esistenza unica: dall'infanzia tra i canali di Venezia ai viaggi a vela sui mari di tutto il mondo, dall'amore per gli uomini all'amore per la musica, passando per il distacco dalla madre e il ritorno nel suo grembo, rivissuto come in sogno in una piscina di Bel Air. Un talento multiforme: ha cantato in otto lingue, con decine di successi planetari e 110 milioni di dischi venduti. Una personalità capace di attrarre poeti come Ezra Pound, Leo Ferré e Vinìcius de Moraes, artisti come Lucio Fontana, Tano Festa e Mario Schifano, musicisti come Mick Jagger, Jimi Hendrix e Robert Blunt. La sua storia, iniziata nei favolosi anni Sessanta che scalpitavano di libertà e anarchia, gli anni del più clamoroso rinnovamento generazionale del secolo scorso, attraversa il Novecento fino ai giorni nostri. E svela il misterioso rapporto tra Patty e Nicoletta, tra il personaggio e la donna, tra la vita sotto i riflettori e la vita, semplicemente.

La cambio io la vita che… Tutta la mia storia: le avventure di Patty Pravo, la ragazza del Piper

A pochi mesi dal suo settantesimo compleanno Patty Pravo in “La cambio io la vita che…” (Einaudi) ci regala uno spaccato della sua vita ricco di curiosità, aneddoti, episodi divertenti e affascinanti. Un’autobiografia che l’autrice divide in due parti: la prima che descrive l’infanzia e l’adolescenza di Nicoletta Strambelli (in arte Patty Pravo) a Venezia con i nonni paterni; la seconda parte rivela la Patty Pravo che conosciamo tutti; la diva che ha venduto più di 110 milioni di dischi, che ha cantato in otto lingue, che ha viaggiato in tutto il mondo e che ha amato e spostato molti uomini.

Ha fatto shopping a Parigi con Mick Jagger, ha passeggiato con il poeta Ezra Pound, ha girato per Roma su una Fiat 500 con Jimi Hendrix e ha conosciuto Papa Roncalli. Sembra un romanzo, in realtà è solo un piccolo assaggio della stupefacente vita di Patty Pravo che in questa autobiografia si mette a nudo con disinvoltura e sincerità.

Il racconto inizia dall’infanzia dove i nonni le insegnano il valore della libertà, dandole ali per volare e gambe per muoversi da sola in un mondo -quello degli anni ’60- in piena rivoluzione culturale. A tre anni voleva diventare direttore d’orchestra, ma a diciassette perde il nonno e questo la porta prima a Londra e poi a Roma dove in pochissimo tempo diventa la star di un nuovo locale: il Piper.

Ora, dire che già da piccola sapessi cosa mi aspettava sarebbe una bugia. Fino ai quindici anni ero convinta che sarei diventata direttrice d’orchestra, al limite una pianista. Però la musica c’era già. Quella c’è stata da subito, di nuovo grazie a nonna. […] Un giorno, vedendo come mi lasciavo rapire dalle note e canticchiavo tra me e me le melodie più belle, decise di provare a mettermi davanti uno strumento. Avevo tre anni, e fu lì, credo, che iniziò tutto: in una casa piena di gatti, sotto lo sguardo severo della maestra Mazzin Crovato.

“La cambio io la vita che…” è una lettura piacevole e scorrevole, consigliata a tutti coloro che hanno vissuto la storia del costume italiano nei meravigliosi anni ’60 e ’70, che hanno amato “la ragazza del Piper” e a tutti i nostalgici di un glorioso periodo musicale. Consigliamo questo libro anche ai lettori più giovani, che, grazie alle dettagliate descrizioni dell’autrice sui luoghi e sull’atmosfera che si respirava in quel periodo, avranno la sensazione di sentirsi immersi completamente nella dolce vita romana.

In Pillole

Autobiografico
Descrittivo
Scorrevole

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.