Francesca Zappia ci parla di sè e del suo ultimo romanzo: Ti ho trovato fra le stelle

Francesca Zappia ci parla di sè e del suo ultimo romanzo: Ti ho trovato fra le stelle

Ci siamo molto divertite a fare due chiacchiere con Francesca Zappia, la giovane autrice del romanzo pubblicato di Giunti “Ti ho trovato fra le stelle”; di seguito riportiamo l’intervista in lingua originale affiancata dalla traduzione in italiano.

Francesca Zappia (sito ufficiale) è una giovane autrice statunitense che ha conquistato il cuore di tanti attraverso i suoi romanzi. L’ultimo si intitola “Ti ho trovato fra le stelle” e si tratta di uno young adult con cui l’autrice riesce a dipingere magistralmente l’universo complesso che si nasconde dentro molti adolescenti.

Eliza, la protagonista di questa favola moderna, si trova a suo agio solo quando riesce a nascondersi dietro lo schermo del proprio computer per entrare in un universo in cui si sente al sicuro; un universo che porta il nome di Mare di mostri. Si tratta di un famoso fumetto da lei creato che sta attirando l’attenzione non solo di chi lo segue ma anche di molti editori e giornalisti. Tutti vorrebbero sapere chi è la creatrice del fenomeno del momento ma Eliza, che si nasconde dietro lo pseudonimo di Lady Constellation, non ci pensa proprio ad abbandonare il suo anonimato. Le cose però cambiano quando incontra Wallace, il nuovo arrivato della scuola.

Eliza è un personaggio estremamente intricato in cui molti, sia adulti che ragazzi, potranno rispecchiarsi. In perenne fuga da una realtà che non le piace, ed in costante conflitto con i due ruoli che ricopre nella vita: Eliza a scuola, Lady Constellation a casa. A chi non capita? Siamo tutti un po’ “supereroi” in determinati momenti della nostra giornata; che sia a casa, in ufficio, in palestra, mentre scriviamo un libro o quando siamo in una relazione. Abbiamo tutti quella seconda personalità coraggiosa che ci rende fieri; cosa accadrebbe se qualcuno venisse a strapparvela di dosso? È proprio questo che capita ad Eliza.

Brava l’autrice nel riuscire a dare la giusta dose di profondità anche a Wallace, il protagonista maschile, che affiancato ad un personaggio così ben delineato come quello di Eliza rischiava di scomparire. Invece i due si bilanciano alla perfezione donando al lettore, tramite i loro dialoghi, le informazioni mancanti per capirli appieno. Il bello di questo romanzo sta proprio nel riuscire ad abbandonarsi nelle capaci ed esperte mani di Francesca Zappia, che sa perfettamente dove sta portando il lettore, ma con una scrittura quanto mai curata, riesce a sorprenderlo sempre.

Ti ho trovato fra le stelle è un romanzo veramente ben scritto, con i suoi colpi di scena, una storia sentimentale molto delicata, personaggi realistici ma sopratutto è lo scrigno di un messaggio quanto mai importante: il mondo è un mare pieno di mostri, e prima riusciremo ad uscire dalla nostra tana per affrontarli, più a lungo potremo sopravvivere.

Intervista in inglese a Francesca Zappia; i suoi sogni, i suoi progetti, e qualche approfondimento su “Ti ho trovato fra le stelle”.

  • This has nothing to do with writing but; have you ever visited Italy? Or do you have in mind to visit our country someday?

I have visited Italy! I was there a couple of years ago, and I was lucky enough to get to travel to several different places, including Venice, Florence, Assisi, San Gimignano, Capri, and Rome. I even got to climb Mount Vesuvius! My great-grandparents came to America from Italy, so I’ve always wanted to go. I would love to come back some day!

  • Lets get serious: Eliza is the main character of “Ti ho trovato fra le stelle”, and her very complex soul is wonderfully described. What percentage of your personality is hidden in Eliza? 

Oh, thank you so much! I think her personality and mine match maybe around 80%, haha. It’s a lot. A lot of the things Eliza feels—her isolation, her anxiety, her doubts, her love of Monstrous Sea, her desire to be part of a group but also by herself—these are all things that I felt very acutely in high school, and some of them I still feel today. She’s more like me than any of my other narrators I’ve ever written!

  • When you started to write “Ti ho trovato fra le stelle”, did you already have a clear idea of how the story would develop? What came to your mind before; the plot or the characters?

The plot in this story is so character-driven that I have to go with characters. I had the title for the story the second after I came up with Eliza herself; she had a name, a story arc, and all her hopes and fears almost instantly. Building a plot around that was as easy as asking myself “what is Eliza about?” I was very grateful for this, because plots and characters don’t always come as easily as Eliza did.

  • While reading “Ti ho trovato fra le stelle” we received this advice: “try your best to handle your virtual life without forgetting about reality”, since you created a beautiful world with your books, our question is: are you able to do it? 

For a long time, the answer was “no.” I was very, very bad at remembering that there was a world outside the internet, and that for as much as I love my online friends, the internet can be a bad place for me. I struggled with this even after the book was published, but recently I’ve been taking steps to carefully control the amount of time I spend online and what I do there, and instead focus on my family and offline friends, my work, and my own interests. I found out there’s so much time in the day when you aren’t constantly checking Twitter!

  • Do you miss the world that you create in your novels when they come to an end?

In my contemporary novels, I miss getting to hang out with the characters there. I loved writing those soft, quiet scenes between Eliza and Wallace, and I miss writing the parts where Eliza got to realize that she wasn’t a failure of a human being. I do miss them, but usually I don’t want to go back to them. It would seem wrong, in a way, especially if there isn’t more story to tell. 

  • Have you always been “serial-writer” or is there a precise moment when you understood that you had something important to tell the world?  

I think when I was younger and I started writing, I didn’t really understand the concept of expressing a deeper idea through a narrative. I just wanted to write stories about other planets and fantasy worlds. Now, I can’t imagine writing a story without something important to say, whether that thing is important to the world at large or just important to me. There’s a moment in the beginning of the planning stages of every book where I think, “Oh. This is what this book is about.” And from there I can write the story because I have that important thing to say.

  • If you had to choose between giving up one thing, which one would you choose between writing or drawing?

Drawing, definitely. I love drawing, but I can’t express myself as clearly or as confidently as I can through writing. If I do it right, writing is like drawing pictures directly into people’s minds, so I’d be perfectly happy only being able to write for the rest of my life.

  • Is there a place, a person, a moment of the day, or some kind of music that helps you get inspired while writing? 

It depends on what book I’m working on. I have playlists for every story, so if I’m in my car or outlining, I’m listening to the playlist for that book. Each book has its own sound and atmosphere. I also usually write best when I’m at home in my bedroom, because it’s warm and quiet and has a window that looks out on the backyard. But I’ve found that the thing that helps the most is waking up early in the morning—sometimes even at 4am—and writing. That really gets the juices flowing.

  • Can you tell us who are the three contemporary writers that you love the most? 

Oh goodness. I don’t think I could ever narrow it down to “love the most,” but here are three authors with books that I’ve loved a lot recently, in no particular order:

Mindy McGinnis – The Female of the Species (So raw, so good)

Laini Taylor – Strange the Dreamer (I love all her books)

Colin Dickey – Ghostland (This is a nonfiction book about haunted locations in America. His writing is wonderful, and the ideas he brings up really influenced what I’m drafting now.)

  • Favorite book of all times? 

My favorite book of all time is The Hero and the Crown, by Robin McKinley. It’s got dragons and feminism and a great love story, and it really holds up. Seriously, if you mention it to me in person, I will talk forever.

  • Can you give us a sneak peek into your next novel by describing it with one word?

This won’t necessarily be the next one published, but here’s one word to describe what I’m drafting right now: haunted.

Intervista in italiano a Francesca Zappia; i suoi sogni, i suoi progetti, e qualche approfondimento su “Ti ho trovato fra le stelle”.

  • Questa domanda non ha niente a che vedere con la “scrittura”; hai mai visitato l’Italia? O pensi di visitarla un giorno?

Ho visitato l’Italia! È stato un paio di anni fa, e sono stata anche piuttosto fortunata perché sono riuscita a visitare più città, inclusa Venezia, Firenze, Assisi, San Gimignano, Capri e Roma. Sono anche riuscita a scalare il Vesuvio! I miei bisnonni sono arrivati in America dall’Italia, quindi è un viaggio che ho sempre voluto fare. Un giorno mi piacerebbe tornare.

  • Torniamo serie: Eliza è il personaggio principale di “Ti ho trovato fra le stelle”, ed il suo animo estremamente complesso è stato descritto magnificamente. Che percentuale della tua personalità si trova in Eliza? 

Oh, grazie mille! Io penso che la sua personalità e la mia combacino per un buon 80%, haha. Molte delle cose che Eliza prova – il suo isolamento, la sua ansia, i suoi dubbi, il suo amore per Mare di Mostri, il suo desiderio di essere parte di un gruppo ma anche di starsene per conto suo- queste sono tutte cose che ho provato in modo pungente al liceo, ed alcune le provo ancora oggi. Dei miei narratori lei è sicuramente quella che mi assomiglia di più in assoluto!

  • Quando hai iniziato a scrivere “Ti ho trovato fra le stelle”, aveva già un’idea chiara di come si sarebbe sviluppata la storia? Cosa è venuto fuori prima; la trama o i personaggi?

La trama in questa storia è molto legata ai personaggi, quindi loro sono venuti prima. Il titolo mi è venuto in mente nell’esatto secondo in cui ho creato Eliza; lei aveva già un nome, un arco narrativo, e istantaneamente sono arrivate anche tutte le sue speranze e sogni. Costruire la trama intorno a lei è stato facile quanto il chiedermi “di cosa tratta Eliza?”. Sono molto contenta perché non sempre trama e personaggi vengono così istintivi.

  • Nel leggere “Ti ho trovato fra le stelle” abbiamo ricevuto questo consiglio: “fai del tuo meglio per gestire la tua vita virtuale e quella reale”, dato che hai creato un mondo fantastico con i tuoi libri, la nostra domanda è: tu ci riesci? 

Per tanto tempo la risposta a questa domanda sarebbe stata “no”. Ero pessima nel ricordare che c’era un mondo al di fuori di internet, e per quanto io ami i miei amici on-line, internet può essere un posto buio per me. Ho avuto dei problemi anche dopo l’uscita del libro, ma recentemente ho iniziato a controllare il tempo che passo online, curando la mia famiglia e i miei amici off-line, il mio lavoro, i miei interessi. Ho scoperto che il tempo si dilata quando non controlli costantemente Twitter!

  • Ti manca il mondo che crei nei tuoi racconti quando giungono al termine?

Nelle mie storie contemporanee, mi manca passare del tempo con i personaggi che creo. Ho adorato creare quelle delicate, silenziose scene tra Eliza e Wallace, e mi manca scrivere quei pezzi in cui Eliza realizzava che non era affatto un fallimento come essere umano. Mi mancano, ma allo stesso tempo non ci tornerei sopra. Mi sembrerebbe sbagliato, in un certo senso, soprattuto non essendoci più una storia da continuare. 

  • Sei sempre stata una scrittrice seriale o c’è stato un momento preciso in cui hai capito di avere un messaggio da condividere col mondo?  

Quando ero più giovane non capivo completamente il concetto di esprimere un’idea profondo attraverso la narrativa. Volevo solo scrivere storie di altri pianeti e universi fantastici. Ora, non potrei mai immaginare di scrivere una storia senza avere un qualche cosa di importante da trasmettere, sia che questa cosa sia importante globalmente o solamente per me. C’è un momento esatto, all’inizio di ogni fase di pianificazione dei miei libri, in cui penso “Oh. Questo è esattamente ciò di cui tratta i libro.” E da quel momento posso scrivere la mia storia perché so che cosa voglio dire.

  • Se fossi costretta a scegliere tra rinunciare a scrivere e disegnare, cosa sceglieresti?

Disegnare, sicuramente. Amo disegnare, ma non posso esprimermi altrettanto chiaramente come faccio con la scrittura. Se riesco a farlo nel modo giusto, la scrittura è in parte come disegnare direttamente nella mente dei lettori, quindi riuscirei ad essere felice comunque.

  • Esiste un posto, una persona, un momento della giornata o un qualche tipo di musica che ti aiuta a trovare l’ispirazione mentre scrivi? 

Dipende su che libro sto lavorando. Ho una playlist per ogni storia, quindi se mi trovo in macchina o tracciando una trama, sento la playlist dedicata a quel momento. Ogni libro ha la sua musica ed la sua atmosfera. Solitamente comunque scrivo meglio quando mi trovo nella mia stanza da letto, è accogliente e silenziosa e c’è una finestra rivolta verso il giardino sul retro. Ultimamente però ho scoperto che mi aiuta molto svegliarmi presto la mattina- alcune volte perfino alle 4:00- e scrivere. Questa è una cosa che ravviva la mia creatività.

  • Ci puoi dire chi sono i tre autori contemporanei che ami di più? 

Oh mio Dio. Non penso che riuscirei mai a restringere così tanto la mia lista di “preferiti”, ma ecco qui i tre autori con i rispettivi libri che ho adorato di recente, in nessun ordine specifico.

Mindy McGinnis – The Female of the Species (così crudo, così bello)

Laini Taylor – Strange the Dreamer (adoro tutti i suoi libri)

Colin Dickey – Ghostland (un saggio che tratta di luoghi stregati in America. Il suo modo di scrivere è meraviglioso, inoltre le sue idee hanno influenzato ciò che sto scrivendo ora.)

  • Libro preferito di tutti i tempi? 

Il mio libro preferito in assoluto è The Hero and the Crown, di Robin McKinley. Ci sono draghi, femminismo, una grande storia d’amore ed è estremamente coinvolgente. A dir la verità, se qualcuno lo nomina davanti a me potrei parlarne ininterrottamente per ore.

  • Per caso sarebbe possibile sbirciare nel tuo prossimo libro descrivendocelo con una sola parola?

Questo non sarà per certo il prossimo libro ad essere pubblicato, ma ecco qui una parola per descrivere ciò che sto scrivendo ora: stregato.

 

Ringraziamo la dolce Francesca per averci regalato non solo parte della sua vita ma anche parte del suo tempo prezioso. Mentre rimaniamo in attesa del suo prossimo libro vi invitiamo a proseguire la navigazione alla scoperta delle ultime uscite in libreria: Le poche cose certe, di Valentina Farinaccio. 🙂


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.