Due uomini e una culla; Andrea Simone

Due uomini e una culla; Andrea Simone

Due uomini e una culla Book Cover Due uomini e una culla
Andrea Simone
Golem Edizioni
2017
173

Sinossi

Questa è la storia di Anna, che nasce il 2 agosto 2014, in un sabato sera di un'estate californiana neanche troppo calda. Anna è una bambina particolare: ha due papà. È stata scelta, decisa, voluta e concepita da due uomini. Tutto è nato nel novembre 2012, quando io e il mio compagno Gianni abbiamo sentito il desiderio di avere un figlio: eravamo iscritti nel registro delle unioni civili e ci siamo detti "Perché no?". Ci siamo informati, siamo entrati a far parte delle Famiglie Arcobaleno e ci si è aperto un mondo nuovo. In pochi mesi è iniziato il nostro incredibile viaggio: da Milano a Los Angeles a San Francisco. Abbiamo conosciuto una donatrice che ha donato l'ovulo e una portatrice che ha portato Anna dentro di sé per nove mesi. Quando è venuta al mondo ci ha resi gli uomini più felici della terra. In Italia ci hanno sostenuto e incoraggiato tutti. Ancora oggi posso dire che sia stato il viaggio più incredibile della nostra vita, perché proprio durante quel viaggio è nata una bambina serena e felice, la gioia e l'orgoglio dei suoi papà. Frequenta la scuola inglese, parla due lingue e ogni ci insegna tanto. Prefazione di Lella Costa.

Due uomini e una culla: Andrea Simone ci fa sorridere e commuovere con un libro che racconta passo dopo passo il miracolo di diventare genitori, con una elettrizzante prefazione della grande Lella Costa.

Esiste qualche cosa di più potente e meraviglioso dell’amore di un papà? Sì, l’amore di due papà! Due uomini e una culla (pagine Facebook ufficiale) narra la storia della piccola Anna, una bambina speciale che di papà ne ha ben due. La piccola è stata scelta, decisa e concepita da Andrea Simone ed il suo compagno Gianni.

Un giorno, tanti anni fa, mi fu predetto che a 40 anni sarei diventato padre, ma io non ci credetti. Per il semplice motivo che sono gay. In barba a ogni scetticismo e col senno di poi, oggi mi rendo conto che la mia diffidenza non poteva essere più fuori luogo. Perché, proprio all’alba dei 40 anni, fui assalito da un fortissimo desiderio di paterni- tà, ed era un desiderio altrettanto forte in quello che allora era il mio compagno e oggi è il mio consorte grazie all’approvazione di una legge sulle unioni civili, che finalmente ci ha fatto uscire dal Medioevo e che dovrebbe farci vivere con gli altri basandoci su principi di una normale intelligenza.

Due uomini e una culla è un libro scorrevolissimo, la scrittura è spontanea, fresca e ritmicamente parlando non ci sono mai momenti morti. Luoghi e persone sono descritti con cura e la giusta dose di empatia, quel tanto che basta per affezionarsi immediatamente sia ai protagonisti che alle loro storie.

Un libro da leggere senza ombra di dubbio, perché certe realtà le conosciamo, anzi crediamo di conoscerle, solo tramite dei miseri e sterili passaparola. Andrea Simone ci regala con coraggio una testimonianza importante che ci fa capire quanto grandi siano i paraocchi che portiamo, ma sopratutto quanto accecante sia la luce che ci colpisce quando li leviamo.

«Mi sembra di essere tornato a Scotts Valley i primi giorni in cui avevamo Anna. Ti ricordi? Quelle serate così silenziose e tranquille immerse nella calma del bosco, quando ogni cosa era davvero perfetta.»

Sorrisi a Gianni con tenerezza, mentre Anna dormiva accanto a noi. «Ti amo» gli dissi. «E amo anche te, mostrilla!»
Poi presi in braccio nostra figlia, la misi a letto, le rimboccai le coperte e uscii dalla stanza.

Nel chiudere delicatamente la porta alle mie spalle, mi resi conto che non c’era niente e nessuno al mondo che amassi più della mia famiglia e che era stata proprio Anna a insegnarmi e a farmi toccare con mano un amore speciale cui sono riuscito a dare forma, significato e concretezza soltanto nel momento esatto in cui sono diventato padre. Un amore che ogni giorno dà un valore aggiunto sempre più grande alle mie giornate.

Oggi, all’alba dei 43 anni, posso dire serenamente che dalla vita ho avuto tutto quello che ho sempre desiderato. E, chissà perché, ho la sensazione che il meglio debba ancora venire…

La prefazione di Due uomini e una culla è stata scritta dalla grande Lella Costa (progetto Human), attrice e scrittrice italiana. Personalmente ho sempre adorato sia la sua disarmante ed intelligentissima ironia che la sua bellissima voce. Ecco, mentre leggevo le sue parole infatti, non ho potuto fare a meno di sentirla recitare nella mia testa, ridacchiando talvolta, facendosi elegantemente gioco dei più ottusi. Con poche parole ben mirate è riuscita a dare un bel ceffone in faccia a chi vive ancora di pregiudizi e frasi fatte. Ve ne regaliamo un piccolo e dolce estratto:

Il libro di Andrea racconta esattamente questo: una storia vera, di quelle che piacciono anche a Barbara D’Urso. La storia di una coppia che si ama, si rispetta, si unisce anche di fronte al mondo e a un certo punto sente forte il desiderio di avere un figlio. Ne discute, si interroga, si spaventa, si informa, e a un certo punto decide di provarci. E arriva Anna. E dal momento in cui arriva Anna, tutto il resto le polemiche, le perplessità, i distinguo, i dubbi, le critiche, i pregiudizi non conta più niente. Conta solo lei, come è giusto che sia, come dovrebbe sempre essere quando nasce un bambino.

Attenzione: questo non è affatto un libro “militante”, come spiega con grande franchezza l’autore. […]

Io trovo invece che siano il segno di un’assoluta, disarmante autenticità: niente ideologia, niente battaglie, niente manifesti, solo la storia di un amore grande e forte da cui è nata una bambina amatissima.

E se a qualcuno tutto questo dà fastidio, be’, ai miei tempi si diceva che è un problema suo.

Leggere, riflettere, capire, pensare, discutere e, alla fine, cambiare idea: niente al mondo fa crescere un essere umano più di questo. “Cambiare idea” vuol dire cambiare prospettiva, e per farlo dobbiamo avere il coraggio di sporgerci dal nostro piccolo terrazzino e vedere cosa c’è al di là del muro. Se avete voglia di farlo, Andrea Simone è pronto a guidarvi per mano con il suo bellissimo libro. 🙂

Se avete voglia di scoprire che altro c’è di nuovo il libreria vi consigliamo di dare uno sguardo alla nostra ultima recensione: Racconti da ridere, di Marco Rossari.

In pillole

Trama
Ritmo
Contenuto

Lascia un commento