Diario di un Killer Sentimentale – un thriller romantico

Diario di un Killer Sentimentale – un thriller romantico

Diario di un killer sentimentale Book Cover Diario di un killer sentimentale
Luis Sepúlveda
Fiction
Guanda
2012-05-24T00:00:00+02:00
82

Diario di un killer sentimentale è un breve ed ironico thriller scritto da Louis Sepulveda, celebre scrittore cileno.

Mi trovavo in un minuscolo e magico negozio di libri usati quando vidi questo romanzo, timidamente nascosto, in una scatolone. Non riesco tutt’ora a capire come qualcuno possa aver abbandonato questo piccolo capolavoro, considerando che rapisce con pungente acume sin da pagina uno:

La giornata iniziò male, e tardi, perché atterrai a Madrid alle sei e trenta, faceva molto caldo e durante il tragitto fino all’hotel Palace dovetti sorbirmi uno sproloquio del tassista sulla coppa europea di calcio. Mi venne voglia di puntargli la canna di una quarantacinque alla nuca per fargli chiudere il becco, ma non avevo attrezzi con me, e poi un professionista non se la prende mai con un cretino, nemmeno se è un tassista.

Scorre incredibilmente bene, e pagina dopo pagina ci si ritrova invischiati nell’intensa ed inquieta vita del protagonista, un killer consumato, stanco, ma anche tremendamente romantico. A dare questa nota passionale e melanconica è la sua ex donna francese, che decide di condannarlo ad un’amara solitudine fatta di letti vuoti e rimpianti pregni di whisky abbandonandolo dopo tre anni di fidanzamento. L’aveva conosciuta in un bistrot di Saint Michelle, lei 24 anni, lui 42…

«Sei un uomo giovane», mentì lei con tutto il calore emanato dai suoi gesti mentre fumava e si ravviava i capelli, che avevano il colore delle castagne mature e la consistenza lieve dell’acqua che scivola su rocce coperte di muschio.

«Vuoi prima mangiare o scopare?» domandai mentre chiamavo il cameriere per chiedere il conto.

«Mangiami e scopami nell’ordine che preferisci», rispose lei.

Dialoghi schietti, diretti, e sensuali, giocati con tale maestria che non hanno assolutamente bisogno di commenti.

Ma di cosa parla, in breve, “Diario di un killer sentimentale”?

Di un sicario professionista, con una lunga carriera alle spalle, che deve svolgere un nuovo incarico. Ovviamente quasi nulla va come deve, ma preferisco non rivelarvi troppo. Grazie alla sagace penna di Louis Sepulveda siamo capaci di vivere ogni scena come fossimo dentro un film; sentiamo gli odori della polvere da sparo, il caldo soffocante delle città descritte, l’ansia continua di avere qualcuno sempre alle spalle. Immersi tra queste pagine si viaggia tra Madrid, Istanbul, Francoforte, Parigi, e si impara, insieme al protagonista, che la cosa migliore è non fidarsi mai di nessuno. Insegnamento che sarà bene tenere a mente fino alla fine del libro, quando verremo colti da un colpo di scena decisamente, e meravigliosamente, inaspettato.

Il testo è acquistabile sia presso Feltrinelli che Amazon.

In pillole

Coinvolgimento
Humor
Intensità

 


Lascia un commento